Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Economia e Attività quotidiane

La pastorizia era l'attività economica prevalente dei Liguri Apuani: la frequentazione di grotte, ripari e bivacchi, sui crinali apuani e appenninici, attesta infatti la pratica della transumanza stagionale.
All'allevamento erano ovviamente connesse le tradizionali attività collaterali: la produzione del latte e dei suoi derivati e la filatura e tessitura della lana, attestata dal frequente rinvenimento di fuseruola fittili o in pietra.
L'ampia disponibilità di aree boschive favoriva la produzione di legname; l'attività di lavoro nei boschi, ricordata dalle fonti antiche, è documentata anche dal rinvenimento di scuri in ferro in corredi funerari maschili (Levigliani).
Le attività artigianali comprendevano, oltre alla produzione di ceramiche fini da mensa, con tipiche decorazioni dipinte in rosso, e vasellame d'impasto grossolano d'uso domestico, la realizzazione di utensili, armi e oggetti d'ornamento in metallo.
Rapporti di scambio con le vicine popolazioni etrusche dovettero instaurarsi assai precocemente: con l'esportazione del legname e dei prodotti dell'allevamento, i Liguri acquisivano beni agricoli pregiati del circuito marittimo, vino e olio, e manufatti.
Attraverso le vie commerciali nord-italiche e adriatiche, giungevano inoltre, i preziosi oggetti dell'ornamento femminile, realizzati in ambra o in pasta vitrea, ampiamente diffusi sia nei contesti tombali (Levigliani; Castelvecchio Pascoli) che negli abitati (Monte Pisone).

chiusura