Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Torre Matilde

Nel lato di Viareggio che dà verso Migliarino Pisano, la bella costruzione di Torre Matilde spicca sul mare della Darsena toscana, nei pressi della foce del Canale Burlamacca. Insigne esempio di architettura militare del secolo XVI, la torre è certamente il monumento storico più rappresentativo di Viareggio.
La sua denominazione è legata a un'erronea attribuzione a Matilde di Canossa, contessa vissuta nel secolo XII. L'interno della torre, recuperato dagli interventi di restauro, è composto di tre piani, la terrazza e il vano destinato a cisterna. Le stanze dei piani sono ampie in media 8 metri, alte circa 6 e comunicano attraverso una scala in ferro e un pozzo centrale. La cisterna per l'acqua piovana si trova sotto il piano terreno, accessibile per mezzo di una botola.
Bibliografia: - Fornaciari P., La Torre Matilde,Rione Vecchia, Viareggio 1986
- Lenci F., Viareggio dalle origini ai giorni nostri, 1941
Fondazione: 1534-1542
Comprensorio: Versilia
Comune: Viareggio
Notizie storiche: Torre Matilde è la testimonianza di una storia che, a partire dal XII secolo, intreccia le vicende del territorio viareggino con la politica espansionistica dello stato lucchese. Nell'intento di conquistare uno sbocco sul mare, Lucca aveva infatti, fin dal Medioevo, occupato il territorio oggi corrispondente alla città di Viareggio, combattendo e osteggiando i rivali con la costruzione di possenti fortificazioni sulle spiagge.
Un "Castrum de Via Regia", eretto insieme agli alleati Genovesi nel 1172, in sostituzione di una torre in legno, è documentato con funzioni di segnalazione e di guardia contro improvvise incursioni dei nemici.
Quando fu distrutto il castello di Motrone nel 1441, il castrum di Viareggio divenne l'unico sbocco al mare per il governo lucchese che avviò intense attività di bonifica nell'area circostante.
Il passare dei secoli fece avanzare il punto di costa e il castello perse progressivamente la sua funzione di difesa dello scalo marittimo sul canale. Fu così costruita una nuova Torre, l'odierna "Torre Matilde", iniziata nel 1534 e terminata nel 1542. La Torre venne costruita sotto la direzione di Tommaso Montecatini, Jacopo Arnolfini, Martino Bonvisi, Bernardino Cenami, Filippo Calandrini e Francesco Balbani, utilizzando bozze di pietra squadrate provenienti dalla parziale demolizione del vecchio castello.
Successivamente fu avviata l'edificazione di un palazzo destinato a ospitare il Commissario di spiaggia che aveva il compito di controllare il movimento delle merci e anche poteri penali e civili. Palazzo e Torre comunicavano mediante un loggiato. Come il castello, anche la Torre perse, circa due secoli dopo, la sua funzione di difesa del canale a seguito di un ulteriore avanzamento della linea di costa.
Stato di conservazione: A partire dall'Ottocento, fino alla seconda guerra mondiale, Torre Matilde fu impiegata come carcere. La sua struttura originaria è tornata alla luce grazie alla campagna di interventi attuata, nel decennio 1970-1980, dalla S.B.A.A.A.S. di Pisa, che ha rimosso le divisioni interne rese necessarie dalla sua destinazione penitenziaria.
Attualmente, l'edificio, in buone condizioni, ospita eventi culturali ed esposizioni temporanee di arti figurative.
Tipologia: Torre,sec. XVI
Orari: La torre è di proprietà pubblica ed è visitabile
Codice Audioguida: 223
chiusura