Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Monte Capriola

Il Monte Capriola, articolato in due vette (m 537 e 523 s.l.m.) domina l'alta valle del Serchio nel punto di confluenza del fiume con il torrente Edron. La presenza ligure nell'area, già interessata da un insediamento dell'età del Bronzo Finale, è attestata dalla fine del IV secolo a.C., ma risulta particolarmente consistente tra la fine del III e gli inizi del II secolo a.C., momento in cui, sotto la costante minaccia degli eserciti romani, le popolazioni liguri cercarono rifugio in luoghi protetti da una vetta e particolarmente idonei all'avvistamento e al controllo del territorio (Monte Lieto; Monte Altissimo).
Nell'alta valle del Serchio, insediamenti liguri con caratteristiche analoghe a quelle del Monte Capriola sono stati individuati anche presso il Monte Vigne (S. Romano in Garfagnana; m 777 s.l.m.) e sul Colle della Fame (Castiglione Garfagnana; m 582 s.l.m.).
(testo di Susanna Bianchini)

Bibliografia: - Ciampoltrini G., Notini P., Nuovi documenti del Bronzo Finale dalla Capriola di Camporgiano (Lucca), in Rassegna di Archeologia 6, 1986-87
- Ciampoltrini G., Ricerche sugli insediamenti liguri dell'Alta Valle del Serchio, "Bollettino di Archeologia" 19-20-21, 1993
Epoca: Età del Bronzo; fine IV a.C., inizi sec. II a.C.
Comprensorio: Garfagnana
Comune: Camporgiano
Notizie storiche: L'insediamento dell'età del Bronzo sembra interessare principalmente la vetta più bassa del rilievo e l'area circostante; un piccolo sondaggio, effettuato nel 1984 sul versante nord-occidentale, ha permesso di individuare uno strato di frequentazione ricco di carboni, relativo probabilmente ad un'abitazione precaria, capanna o tenda. I reperti ceramici recuperati, principalmente olle e scodelle carenate, sono riferibili ad una fase avanzata dell'età del Bronzo Finale.
Una campagna di scavo, effettuata sempre nel 1984, sul versante settentrionale della Capriola (area di scavo A), ha invece individuato un accumulo (3) formato dai resti, ormai disfatti, di un insediamento ligure, situato forse sulla vetta più alta del rilievo. Oltre a pochi reperti ceramici ancora dell'età del Bronzo Finale, sono stati recuperati frammenti di ceramica a vernice nera, di vasellame fine (coppe e brocche) di produzione ligure, di ceramiche d'impasto per la cucina e di anfore vinarie. Altri due piccoli nuclei abitativi (aree 1 e 2), probabilmente semplici capanne realizzate con materiale deperibile, si trovavano anche sul versante meridionale del monte.
Particolarmente abbondanti, tra i reperti, sono i frammenti di anfore databili tra il III e il II secolo a.C., prevalenti anche sulle ceramiche d'impasto, che evidenziano quanto fosse ormai diffuso il consumo di vino tra i Liguri Apuani. Le anfore vinarie, che potevano anche essere riutilizzate come contenitori per l'immagazzinamento di altre derrate alimentari, caratterizzano infatti tutti gli insediamenti liguri di questo periodo.
La fine dell'abitato sul Monte Capriola è certamente dovuto agli eventi del guerra romano-ligure: dopo i decenni iniziali del II secolo a.C., i Liguri scompaiono completamente dalla Garfagnana, sconfitti e probabilmente costretti ad abbandonare la propria terra con la deportazione di massa del 180 a.C. tramandataci dalle fonti antiche.
Stato di conservazione: Resti non visibili; alcuni reperti sono esposti nella mostra archeologica permanente di Castelnuovo Garfagnana.
Tipologia: Insediamento
Codice Audioguida: 531
chiusura