Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Tomba della Cappella

La valle del fiume Serra, dal monte Altissimo alla confluenza con il Vezza, dove sorge il centro di Seravezza, ha restituito, nella parte più interna, resti di insediamenti (monte Altissimo) che rientrano nel quadro dell'occupazione ligure dell'Alta Versilia, testimoniata anche dall'abitato di monte Lieto e dalla necropoli di Levigliani.
Più a valle, in località La Cappella, è stata rinvenuta una sepoltura che ancora in età romana conserva caratteristiche della tradizione ligure.
(testo di Fabio Fabiani)

Bibliografia: - Paribeni E., La Cappella (Seravezza), in Museo Archeologico Versiliese. Pietrasanta, Viareggio 1995
Epoca: Prima metà del sec. I a.C.
Comprensorio: Versilia
Comune: Seravezza
Notizie storiche: La sepoltura a incinerazione è stata recuperata nel 1990, durante lavori per la realizzazione di un campo sportivo. La deposizione, non sappiamo se entro semplice fossa o entro cassetta litica o di laterizi, comprendeva un olla contenente i resti combusti del defunto, un essenziale corredo da banchetto, costituito da una coppa verniciata di rosso e da un kantharos in ceramica a pareti sottili, e una fibula di tipo celtico in bronzo. I resti ossei combusti sono riferibili ad un individuo adulto di sesso maschile, come conferma anche la presenza del vasellame da banchetto. Il tipo di ceramica in cui è realizzato il cinerario e la fibula richiamano tradizioni culturali liguri, testimoniando la permanenza anche dopo la conquista romana, di piccoli nuclei di genti liguri nel territorio della colonia. In base ai materiali del corredo, infatti, la deposizione può essere riferita alla prima metà del I secolo a.C.
Stato di conservazione: Resti non visibili; i materiali sono conservati presso il Museo Archeologico Versiliesi Bruno Antonucci a Pietrasanta.
Tipologia: Tomba ligure
Codice Audioguida: 305
chiusura