Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Insediamento etrusco di S. Rocchino

L'area circostante il lago di Massaciuccoli, che dovette presentarsi in antico come un'ampia laguna costiera, ha restituito testimonianze della presenza umana sin dall'epoca preistorica. In un periodo compreso tra l'etÓ arcaica e quella ellenistica, la laguna fu occupata da insediamenti etruschi con funzioni commerciali. Tale funzione non cess˛ neppure in epoca romana, quando la zona, interessata da opere di bonifica, doveva costituire uno dei punti di approdo che segnavano la costa versiliese.
(testo di Fabio Fabiani)

Bibliografia: - Maggiani A., S. Rocchino (Massarosa), in E. Paribeni (a cura di) Etruscorum ante quam ligurum. La Versilia tra VII e III sec. a.C., Pontedera 1990
- Paribeni E., S. Rocchino (Massarosa). La fase ellenistica, in E. Paribeni (a cura di) Etruscorum ante quam ligurum. La Versilia tra VII e III sec. a.C., Pontedera 1990
Epoca: Fine sec. VIII a .C., sec. II a .C.
Comprensorio: Versilia
Comune: Massarosa
Notizie storiche: Tra il 1969 e il 1970, Ŕ stato indagato un insediamento etrusco sorto sulle sponde antiche del lago di Massaciuccoli, con tracce di frequentazione risalenti almeno alla fine dell'VIII secolo a.C. Lo scavo ha consentito di evidenziare come in etÓ arcaica, in un'area acquitrinosa, delimitata da una doppia palizzata e bonificata con un riempimento di legname e fascine, sorsero nuclei di capanne in materiale deperibile e pavimento di argilla concotta. Un pozzo prefabbricato in terracotta era a disposizione del gruppo di capanne individuato. La presenza sin dalle fasi pi¨ antiche di materiali ceramici di importazione dall'Etruria meridionale e dalla Grecia, di anfore corinzie, ionico marsigliesi, greco-orientali, documentano la funzione di scalo sostenuta dal villaggio, lungo le rotte dirette verso la Liguria e le coste francesi. La funzione di approdo-emporio, dopo un declino nel corso del IV secolo a .C., sembra riprendere durante il III secolo a .C., con il probabile smistamento verso l'interno dei prodotti ceramici etruschi e laziali. L'abbandono del villaggio intorno al II secolo a .C., segnato da consistenti tracce di incendio, Ŕ da connettere agli scontri romano-liguri per il controllo del territorio.
A poca distanza dall'insediamento, il recupero durante le escavazioni di sabbia di un gruppo di anfore di etÓ imperiale confermano la persistenza di un punto di approdo nell'area ancora in epoca romana.
Stato di conservazione: Resti visitabili; una scelta dei reperti Ŕ esposta nel Museo Nazionale di Villa Guinigi a Lucca e nel Museo Preistorico e Archeologico A. C. Blanc di Viareggio.
Tipologia: Insediamento
Codice Audioguida: 501
chiusura