Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Strada romana

La zona compresa tra l'attuale frazione di Montiscendi e l'alveo del lago di Porta rientrava probabilmente in etÓ romana nel territorio della colonia di Luni e presenta evidenti tracce della sistemazione agraria (centuriazone) finalizzata alla regolamentazione delle acque di superficie e alla distribuzione dei terreni tra i coloni (fattoria romana di Montiscendi).
L'area era inoltre interessata dal passaggio della via Aurelia - Aemilia, che costituiva la viabilitÓ principale tra Roma e la costa tirrenica settentrionale.
(testo di Fabio Fabiani)

Bibliografia: - De Santis Alvisi G., Questioni lunensi. Note sulla ricerca archeologica attraverso le aerofotografie, in Quaderni del Centro di studi lunensi, 2, 1977
- Codagnone A., Foglio 104 Pisa, in M. Torelli (a cura di ), Atlante dei siti archeologici della Toscana, Firenze 1992
Epoca: EtÓ romana
Comprensorio: Versilia
Comune: Pietrasanta
Notizie storiche: Il tracciato del sistema viario costituito dall'Aurelia e dall'Aemilia Scauri tra Pisa e Luni Ŕ ancora un problema discusso. Gli studiosi, pur se con opinioni leggermente divergenti su alcuni punti del percorso, sono concordi nel riconoscere l'esistenza di un tracciato interno, ai piedi delle colline pi¨ basse che orlano la pianura. In particolare tra Pietrasanta e Porta la strada romana sarebbe ricalcata dall'odierna statale Aurelia, coincidente con un asse della centuriazione lunense. Potrebbero confermare il passaggio della strada le numerose necropoli individuate lungo il suo presunto percorso, Pisanica, San Bartolomeo in Brancagliano, Crocialetto, dato che solitamente aree sepolcrali o monumenti funerari fiancheggiavano le strade.
Nella fascia costiera Ŕ stata ipotizzata l'esistenza di un altro tracciato viario: nell'alveo del lago di Porta o in aree immediatamente contigue, sono stati infatti segnalati, a partire dalla prima metÓ dell'Ottocento, tratti di basolato stradale. Nel 1823, durante lavori agricoli, si rinvenne inoltre un frammento di miliario in marmo, oggi disperso.
Una recente indagine effettuata dalla Soprintendenza Archeologica della Toscana nell'alveo del lago ha messo in luce un tratto di una strada pavimentata con ciottoli fluviali di marmo, larga m 4,20, realizzata su un riporto di sabbia, direttamente su una duna costiera. Sono attualmente in corso ulteriori indagini per valutare cronologia e tracciato di questo presunto asse stradale.
Stato di conservazione: Resti non visibili
Tipologia: Strada
Codice Audioguida: 181
chiusura