Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Villa Malfatti oggi Piccioli

L'edificio si compone dell'unione di due corpi rettangolari e si sviluppa su tre piani oltre alla cantina seminterrata e alla soffitta. Il tetto è a padiglione, coperto con un manto di tegole marsigliesi.
Il prospetto principale, sulla via Civitali, si eleva su due piani, caratterizzati da un'assoluta simmetria e separati da una rigida cornice marcapiano. Gli archi a sesto ribassato, che concludono in alto le finestre del piano superiore, sono sottolineati da una doppia fila di finte mattonelle e sono sormontati da una fascia continua, dipinta a tempera a motivi geometrici e intervallata da medaglioni raffiguranti navi e uccelli.
Il terzo piano, visibile solo negli altri prospetti, presenta bifore e vetrate colorate, coronate con decorazioni a tempera analoghe a quelle descritte.
L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno.
Bibliografia: - Archivio Storico del Comune di Lucca
- Archivio Soprintendenza B.A.A.A.S. delle province di Pisa, Lucca, Massa Carrara, Livorno (schedatori: Gilberto Bedini e Giorgio Marchetti)
- N. Nicoletti, Le residenze fuori dalle mura, in Il Museo per conoscere. Esperienze e proposte , a cura della Soprintendenza B.A.A.A.S. delle province di Pisa, Lucca, Massa Carrara, Livorno, Sezione Didattica dei Musei Nazionali di Lucca, anno II, n.3-4, Maria Pacini Fazzi Editore, Lucca 1995
Come arrivare: macchina:dall'uscita Lucca Centro della A11 seguire le indicazioni per il centro e girare a sinistra in Viale Carducci, proseguire quindi lungo la circonvalazione, oltrepassare piazza Martiri della Libertà e girare a sinistra in Via Matteo Civitali, dove al numero 313 si trova la villa.
Comprensorio: Piana di Lucca
Comune: Lucca
Datazione edificio: 1906
Identificazione: Lucca
Notizie storico critiche: L'edificio, costruito nel 1906, fu acquistato all'inizio degli anni Venti da Pia Giuliani sposata Piccioli. Era costituito dal solo corpo di fabbrica più basso dal lato della via Civitali. Fu ampliato dalla nuova proprietaria alla fine degli anni Venti con l'aggiunta di un nuovo corpo rettangolare sul lato del giardino retrostante.
(testi di Lorenza Caprotti - Centro Studi Cultura Eclettica Liberty e Déco)
Codice Audioguida: 655
chiusura