Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Villino Fontanella

Il disegno del villino attesta un impianto regolare al quale corrispondono prospetti caratterizzati da una sequenza asimmetrica di aperture dalle forme differenti. Ampliato successivamente, l'edificio presenta un'organizzazione compositiva articolata sviluppandosi parte su tre piani e parte su due piani.
Le finestre (monofore e bifore) sono a sesto acuto trilobato e architravate, sottolineate da inserti ornamentali quali tondini, cornici, modanature. Una serie di formelle decorative ornano il paramento evocando l'immagine di Venezia, porta dell'Oriente. E' significativa, a questo proposito, l'immagine della gondola in rilievo sul prospetto prospiciente la via Buonarroti.
Una piccola scalinata introduce all'ingresso caratterizzato da un portale incorniciato da un'apertura ad arco carenato. In sintonia con lo stile decorativo complessivo è il disegno dei particolari in ferro battuto come le cancellate e il lampione.
Al piano superiore la terrazza si affaccia sul giardino retrostante, qualificato da aiuole regolari e da una ricca varietà di palme e palmizi che contribuiscono a ricreare l'atmosfera esotica del complesso.
L'edificio è una residenza privata e non è visitabile all'interno.
Bibliografia: - M.A. Giusti , Viareggio 1828-1938. Villeggiatura, Moda, Architettura, Idea Books, Firenze 1989.
- A. Belluomini Pucci, Villa Fontanella, in M.A. Giusti (a cura di ), Incanti d'Oriente in Versilia, M. Pacini Fazzi, Lucca 1998.
- A. Belluomini Pucci, Presenze, immagini, caratteri dell'Oriente a Viareggio nel Novecento, in Presenze straniere e minoranze religiose a Viareggio: figure, documenti, testimonianze, Quaderni di storia e cultura viareggina, n. 2 , Lucca 2001.
Come arrivare: macchina:Dalla Via Aurelia dall'uscita Marco Polo, percorrere via Marco Polo fino a Piazza Puccini, girare a sinistra in via Buonarroti fino all'incrocio con via Giusti dove si trova la villa.
Comprensorio: Versilia
Comune: Viareggio
Datazione edificio: 1912, 1926
Identificazione: Viareggio
Notizie storico critiche: La villa viene realizzata nel 1912 per Beniamino Fontanella di Milano su progetto presentato dal capomastro Guido Cioni (la data di costruzione è anche riportata in facciata). Viene e ampliata poi dal capomastro Demetrio Petrucci nel 1926.
Sia il Villino Fontanella che la villa Nistri costituiscono un modello sistematico d'architettura orientale che unisce l'apparato decorativo con le forme tipiche di edifici indo-islamici-moreschi. Tuttavia a Viareggio esiste anche un variegato repertorio eclettico di gusto orientale che si diffonde in modo disomogeneo anche nell'arredamento e nelle decorazioni interne ed esterne (si veda, ad esempio, il Gran Caffè Margherita, il Supercinema Savoia, la villa Argentina).
(testo di Alessandra Belluomini Pucci-Centro Studi Cultura Eclettica Liberty e Déco)
Codice Audioguida: 237
chiusura