Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Il Rinascimento

La dedizione della maggioranza delle comunità garfagnine agli Estensi costituisce un evento importante per gli assetti politici della valle: una nuova potenza che fino ad allora era rimasta estranea alle vicende di questa terra e che improvvisamente si inserisce nei delicati equilibri con il suo rilevante peso politico. Una dominazione ben accettata dalle popolazioni, durata quasi ininterrottamente per oltre quattrocento anni che assicura alla Garfagnana un lungo e proficuo periodo di stabilità amministrativa.
In questo periodo si assiste alla definitiva spartizione del territorio della Valle del Serchio fra più stati: La Repubblica Lucchese nella porzione meridionale, i Medici di Firenze a Barga, gli Estensi di Ferrara a Nord e i Malaspina nella zona verso la Lunigiana. A complicare la già difficile situazione dei confini interviene poi la presenza di enclave piccole isole dipendenti da uno stato, all'interno dei confini di un altro (Castiglione e Minucciano) e di "sacche" territoriali come quella medicea di Barga in territorio lucchese.
Questa articolazione di confini e il formarsi di nuovi equilibri territoriali porta fra i secoli XV e XVI alla creazione, o al potenziamento ed ammodernamento di strutture militari in corrispondenza dei confini, dei centri amministrativi, o alla creazione di nuovi grandi complessi militari adatti alle nuove esigenze belliche.
Avviene in questi anni una rivoluzione nell'architettura militare con l'eliminazione delle cortine alte e sottili, si costruiscono mura basse e robuste in grado di assorbire l'energia dei proiettili e di ospitare, sugli spalti, pezzi di artiglieria con cui rispondere al fuoco; le mura di Lucca costituiscono l'esemplificazione di tutto ciò.
Anche nella Valle del Serchio assistiamo alla trasformazione di organismi edilizi con l'ispessimento di sottili mura medievali con massicce cortine e l'introduzioni di torri e baluardi (Camporgiano, Ceserana, ecc.), la demolizione di edifici non più recuperabili al fine di riutilizzare il materiale da costruzione per creare organismi edilizi moderni dotati di bastioni (Verrucole), alla progettazione e realizzazione ex novo di grandi fortezze o cinte murarie (Montalfonso, Cascio).

chiusura