Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

L'edilizia privata

In diversi settori della città sono state individuate alcune abitazioni di età imperiale, di grandi dimensioni e dotate di raffinati apparati decorativi. Meno note sono le abitazioni di età repubblicana, demolite per far posto a nuovi edifici o interamente ristrutturate in età giulio-claudia.
La "domus degli affreschi" presso l'area forense, la "casa dei mosaici" a nord del capitolium, la domus presso la porta settentrionale, la "domus di Oceano", individuata sotto le strutture della basilica cristiana, sono tutte caratterizzate da pavimentazioni in marmi lunensi e di importazione, mosaici, pareti affrescate con i motivi decorativi caratteristici di Roma e delle aree residenziali vesuviane della prima età imperiale.
L'esempio meglio noto nello sviluppo planimetrico è la "domus degli affreschi", che occupava un'area di circa 1300 mq. Una serie di sale e triclini si articolavano intorno ad un hortus e a due giardini, l'uno movimentato da quattro aiuole circondate da canaletti in marmo bianco e da nove fontane; l'altro dotato di un ninfeo e forse sede del larario.
Tutte le abitazioni individuate mostrano segni di abbandono nel corso del IV sec. d.C., analogamente a quanto avviene agli edifici pubblici e religiosi.
La "domus dei mosaici" presenta una nuova fase di sviluppo nel V sec. d.C., quando accolse un grande mosaico con la rappresentazione del Circo Massimo di Roma e fu ampliata con la costruzione di un quartiere termale.
La "domus di Oceano" subì una completa ristrutturazione tra IV e V sec. d.C., che la trasformò in una domus ecclesiae, normale edificio abitativo adattato per le pratiche e le celebrazioni liturgiche degli adepti della nuova fede. Nella seconda metà del V sec. d.C., sugli ambienti più significativi della domus s'impiantò la prima basilica cristiana.

chiusura