Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Museo di Casa Pascoli

La villa di campagna dei Cardosi-Carrara, situata ai Caproni di Castelvecchio, è la sistemazione che Giovanni Pascoli scelse come residenza nel 1895 e che da tempo cercava. Il Poeta venne nella Valle del Serchio pago di aver trovato “una bicocca con attorno un pò d’orto e di selva”, portò con sé la sorella Maria ed il cane Gulì.
A Castelvecchio il Poeta trascorse gli anni più tranquilli della sua esistenza, dal 1895 al 1912, anno della morte. Inquesta casa hanno visto la luce la sistemazione di Myricae (1903), i Primi Poemetti (1897), i Canti di Castelvecchio (1903), i Poemi Conviviali (1904). Questo periodo di grande produzione poetica coincide con i riconoscimenti ufficiali tributati al Pascoli dalla critica, quale innovatore della poesia italiana. La casa conserva la struttura, gli arredi, la disposizione degli spazi,che aveva al momento della morte di Giovanni Pascoli, avvenuta a Bologna il 6 aprile 1912. Dopo la morte del Poeta l’edificio è stato dichiarato monumento nazionale, di particolare interesse pubblico l’area che comprende la casa.
L’archivio conserva circa 76.000 carte e la biblioteca circa 12.000 volumi.

Servizi educativi

Visite guidate

Utenza: scuole, gruppi organizzati, associazioni, turisti etc.
Le attività sono gratuite per le scuole del territorio del Comune di Barga
Su prenotazione

Attività didattica
Utenza: scuole elementari, medie e superiori del comune di appartenenza
Sussidi Didattici: schede, immagini
Modalità di attuazione: un incontro nel Museo di Casa Pascoli di circa 2 ore per la presentazione dei progetti elaborati nell’ambito scolastico
Luogo di svolgimento: Museo Casa Pascoli
Periodo di svolgimento: da marzo a maggio
Le attività sono gratuite per le scuole del territorio del Comune di Barga, per le altre sono a pagamento

Contatti
Custode e guida Stefano Crudeli
tel - fax 0583 766147
e-mail biblioteca@comunedibarga.it

Prenotazione on-line: no
chiusura