Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Sant'Antonio Abate o della Misericordia

Attestata, con la titolazione a San Biagio, fin dal XIV secolo, la chiesa era sede di una compagnia dedita all´assistenza ai condannati e agli orfani, che gestiva al contempo anche l´ospedale adiacente. Ospita due grandi pannelli di Fernando Botero, "La Porta del Paradiso" e "La Porta dell´Inferno".

Comprensorio: Versilia
Comune: Pietrasanta
Notizie storiche:

All´inizio dell´Ottocento sia l´istituzione che la chiesa mutarono la titolazione in Sant´Antonio abate, poi cambiata alla fine dello stesso secolo in confraternita della Misericordia. Nel 1798 è passata alla diocesi di Pisa cui tutora pertiene.

L´aspetto della facciata è molto modesto, ma la chiesa conserva al suo interno diverse opere di notevole valore, tra cui spiccano soprattutto due statue in legno, considerate tra le opere più notevoli realizzate nella zona di Lucca tra la fine del Trecento e l´inizio del Quattrocento, raffiguranti Sant´Antonio abate e San Biagio, che un recente restauro ha consentito di attribuire con certezza rispettivamente a Antonio Pardini e Jacopo della Quercia.

Per quanto concerne l´arredo pittorico, si segnala invece la presenza di una tela che data alla metà del Cinquecento raffigurante l´Incoronazione della Vergine, interessante non tanto per la sua qualità in effetti non eccelsa, quanto perché unica testimonianza pervenutaci dell´opera di Lorenzo Cellini un pittore pietrasantino che ripropone moduli mutuati da Fra Bartolomeo.

Notevoli anche, infine, la cantoria settecentesca, i dipinti della cappella dell´Addolorata di Luigi Ademollo e soprattutto due grandi pannelli con la Porta del Paradiso e la Porta dell´Inferno donati alla chiesa da Fernando Botero nel 1993.

Link Sacrum Luce: http://sacrumluce.sns.it/mv/html/LUC/LC__990005628400000
Codice Audioguida: 736
chiusura