Regione Toscana
Provincia di Lucca
Fondazione Banca del Monte di Lucca
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca

Lapide ai dipendenti degli ospedali regi di Lucca morti in guerra

L'opera è collocata all'ingresso di uno degli edifici interni all'Ospedale. Si tratta di una lapide marmorea con bassorilievi nella parte alta (due spade rivolte in basso ai lati degli stemmi di Lucca e della Misericordia) e nella parte bassa (striscia con elmetto di guerra circondato da elementi arborei). Al centro è invece visibile l'epigrafe dedicatoria.

Lo scultore, Francesco Petroni, è autore noto di molte altre opere, come il Faro della Vittoria.

Autore: Petroni, Francesco
Data: 04/11/1925
Bibliografia:

L'austera celebrazione del VII anniversario della Vittoria, in "L'Intrepido" 5 novembre 1925.

Iscrizione:

[Elenco nomi]/ CADUTI NELLA GUERRA DI REDENZIONE 1915 1918/ FRA CANDIDI PIETOSI SILENZI QUI FU LENITA OGNI PENA/ VINCENDO SUL MALE L'AMORE/ LASSU' TRA FRAGOR DI TEMPESTA CARITA' FU CHIAMATA EROISMO/ E LO STRAZIO FU CINTO D'ALLORO/ TRASVOLAN GLI EROI SULL'ALA DEL BENE/ BENEDICENDO ALLA PATRIA LIBERA E GRANDE/ NELLA PROFONDA SERENA UMANITA'/ (firma scultore)

Committenza: Regio Ospedale di Lucca
Comprensorio: Piana di Lucca
Comune: Lucca
Localita: lucca
Indirizzo: Lucca, ingresso ospedale di Lucca, via dell'Ospedale
Note:

La lapide fu inagurata all'interno delle cerimonie ufficiali del 4 novembre 1925. Essa ricordava i dipendenti degli Ospedali Regi di Lucca come l'ospedale civile e l'ospedale militare di S. Nicolao. E' in questi ospedali che venivano curati i molti soldati di passaggio o di ritorno dal fronte. I corpi dei militari morti durante la degenza - anche di coloro che non erano originari di Lucca - furono traslati progressivamente nel Cimitero Urbano di Lucca, dove trovarono una prima sistemazione in attesa di essere ricondotti negli anni successivi verso i rispettivi luoghi di origine.

chiusura