Dove si trova

Mappa dei luoghi della Provincia di Lucca   icona

Link collegati
Ti piace questo sito?
memoria

Stele ai Caduti di San Romano


icona Stele ai Caduti di San Romano
Stele di San Romano in Garfagnana
Comprensorio: Garfagnana
Comune/Località: San Romano in Garfagnana
Indirizzo: via degli Studi. L'opera è collocata nei pressi della scuola media di San Romano.

La stele dedicata a tutti i Caduti (compresi quelli del lavoro) è realizzata in cemento. Sulla stele è raffigurata una croce a tre braccia ricavata in una struttura rettangolare di cemento bianco e compare l’epigrafe “ …e sia la pace.” Il monumento è circondato su tre lati da un muretto in pietra, al lato del quale si trova una targa dedicata ai Caduti. La stele è collocata all’interno di un piccolo parco della Rimembranza dove, a ricordo dei Caduti, restano ormai due soli alberi: un pino e un ippocastano.
Data di realizzazione

Il parco e la stele furono realizzati tra 1962-1971. Il cippo fu inaugurato ufficialmente il pomeriggio del 4 novembre – con benedizione di don Pietro Fortini, parroco di San Romano, ed intervento del sindaco di San Romano Garfagnana, Pellegrino Benigni. Alla cerimonia presenziarono numerose rappresentanze di ex combattenti e familiari di Caduti sul lavoro.
Autore

Lina Rossi pittrice ed insegnante, ideò la stele che fu realizzata dall’impresa Pieretti di San Romano.
Iscrizioni

Sulla stele compare la scritta:  …. E SIA LA PACE
Sulla targa: SAN ROMANO AI SUOI CADUTI
Committenza

Negli anni ’60 nacque appositamente un comitato paesano presieduto dal dott. E. Mariani che si occupò di seguire le fasi di raccolta fondi e realizzazione dell’opera.
Bibliografia

- ARCHIVIO ANCR LUCCA, lettera del comune di San Romano alla ANCR Lucca, 5 maggio 1962
- ARCHIVIO ANCR LUCCA, lettera del Presidente ANCR lucca Michelangelo Chiapparini al sindaco di San Romano, prot. 927/62.
- Oggi inaugurazione del monumento ai caduti in “La Nazione”, CXIII, 258, 4 novembre 1971, edizione del mattino
- Un cippo per i caduti inaugurato a S. Romano, in “La Nazione”, CXIII, 261, domenica 7 novembre 1971.

Hai trovato l'informazione utile?

Si Forse No
chiusura